Hotel La Bussola

Gambarie d'Aspromonte

Gambarie Aspromonte

Gambarie d’ Aspromonte dista circa 1 ora e 15 minuti dall’ hotel country restaurant “La Bussola”. Gambarie è la prima stazione turistica del Meridione, oggi famosa per le sue piste, gli impianti e le strutture alberghiere che la arricchiscono, l’ambiente naturale, i paesaggi suggestivi che la circondano.

Siamo a 1400 mt d’altezza sul livello del mare, nel massiccio dell’Aspromonte. Alle porte del Parco Nazionale dell’Aspromonte che proprio dalla grande montagna reggina prende il nome. Un’area protetta tra le più importanti d’Italia, sia per l’estensione, che per il valore naturalistico, faunistico e paesaggistico. Gambarie è considerata tra le più importanti località turistiche estive e di sport invernali del meridione d’Italia. Un ruolo conquistato poco a poco, con l’impegno e la caparbietà di chi in questa località ha creduto ed investito. Siamo in pieno territorio del Parco Nazionale, anzi alla sua porta più occidentale. L’istituzione del Parco è piuttosto recente, tutela una delle aree geologicamente più antiche e naturalisticamente più interessanti d’Italia, senza nulla da invidiare ai parchi “storici” del nostro paese, come lo Stelvio e il Gran Paradiso. Una presenza che arricchisce le già numerose opportunità di svago e d’interesse offerte del territorio, che è quello di Santo Stefano in Aspromonte, paese posto a circa 8 kilometri dalla cittadina turistica. Le prime case di Gambarie sorgono da appena mille metri dopo la frazione di Mannoli, tra pinete e faggi, dove è facile incontrare lo scoiattolo dal mantello nero e dal ventre bianco, sempre più facile da avvistare anche in brevi passeggiate tra i boschi. Verso Gambarie, si susseguono altri paesaggi diversi, altri fiori, altri boschi. Tornando lungo la SS 183, si affiancano i cosiddetti “campi d’Aspromonte”. E’ un altro degli aspetti particolari di questa montagna, che nelle sue zone più alte del versante occidentale presenta estese pianure che sorgono su terrazzamenti. Grandi spianate che come enormi gradini, degradano verso il mare. Sono il frutto del costante e continuo moto di emersione che la crosta terrestre subisce lungo lo Stretto. Un movimento, secondo gli studiosi, ancora in atto. Sono State utilizzate per insediamenti agricoli, e coltivate fin dal lontano medioevo. Più avanti, ma proprio vicino a Gambarie, i boschi di Pini dei “Terreni rossi” e di “Tre Aie”, con gli alberi secolari, dalla ragguardevole altezza e della folta chioma in cima, che a stento fanno passare qualche raggio di sole. Si spiega cosi l’assenza di vegetazione nel sottobosco. Gambarie ne è circondata sia da nord che da sud. Oggi, queste zone sono diventate accoglienti aree pic-nic, opportunamente attrezzate dal Corpo Forestale dello Stato. Sono meta ogni estate, di migliaia di gitanti ed escursionisti, che magari, anche per una sola giornata, sfuggono cosi alla cocente calure estive della costa. E’ bello visitare anche il laghetto Rumia, cosi come il piccolo laghetto delle ginestre. E’ anche interessante recarsi al Centro Faunistico e Ambientale dell’A.F.O.R., posto sotto Treaie, ricco di spunti di di accoglienza per visitare gli animali o ammirare rare piante. Ogni anno in agosto, a Gambarie si registrano oltre 20.000 presenze giornaliere e la stessa cittadina si mostra accogliente ed ospitale.

Sei qui: Home Sport & Attività Da visitare Reggio Calabria Gambarie d'Aspromonte
newsletter offerte speciali Hotel Tropea
* Campi obbligatori